© 2015 Centro Studi sulla Cooperazione «A. Cammarata» • Tutti i diritti riservati

© 2015 Web Design and Engineering a cura di Salvatore Tirrito

Alda Giambelluca Kossova

Ad erudiendam fidelium plebem

Esegesi dei primi sunti scritturali paleoslavi

(ss. IX-XI)

Operai dell’ultima ora” solevano definirsi gli Slavi di fede ortodossa per la loro tardiva conversione. Il Vangelo era stato loro predicato soltanto  fra gli ultimi lustri del secolo IX (il Primo impero di Bulgaria) e la vigilia del Mille (la Rus’ kieviana). La loro cristianizzazione segnava anche il loro ingresso nella grande storia europea. Fra i tanti, repentini, cambiamenti radicali, che la conversione alla fede cristiana apportò alla loro esistenza, svetta la scoperta delle litterae, che a breve avrebbe favorito la nascita di due ragguardevoli tradizioni scrittorie, rispettivamente a Occidente e a Oriente del Ponto. In capo a qualche lustro sbocciavano letteralmente dal nulla in Preslav e Ocrida le due scuole scrittorie del Primo impero di Bulgaria tra fine IX e inizio X secolo. La Rus’ kieviana, invece, immersa nel fonte battesimale per volere del principe Vladimir Svjatoslavič nel 988, cominciò ad affermare il proprio anelito a una tradizione scrittoria autoctona subito dopo l’insediamento del primo metropolita russo, greco però di natali, in quel di Kiev nel 1037. La grande fierezza etnica e il radicato amore per l’indipendenza, elevati a bene supremo della propria dignità, stimolarono la genesi di una produzione scrittoria atta a garantire la trasmissione della propria memoria storica. Kiev, come già Preslav e Ocrida, seppe dare prove encomiabili di grande autonomia e soprattutto di ragguardevoli capacità di fruire con disinvoltura delle variegate conquiste di una tradizione, quale era quella del cristianesimo orientale, di poderosa ricchezza tematica e complessità di percorsi individuali. Questo volume racconta e documenta tale storia, proponendo un’accurata versione italiana del primo catechismo paleobulgaro/paleoslavo (il Prologo della Vita Methodii di Clemente d’Ocrida) e della Biblia pauperum russa, la quale peraltro ha – secondo lo studio sviluppato dall’Autrice di queste pagine – tante eco nell’ammirabile Bibbia musiva che si dispiega dentro il Duomo di Monreale, nel cuore del Mediterraneo.

Casa Editrice: Lussografica

Anno Pubblicazione: 2010

Formato: mm 320 x 295

Pagine: 112

ISBN: 978-88-8243-249-2


«Scrinia»

8

Homeindex.html
Direttoredirettore.html
Rassegna stamparassegna_stampa_1.html
Incontri culturaliincontri_culturali_0.html
Pubblicazionipubblicazioni_1.html
Storiastoria.html
Contatticontatti.html
Home        Storia        Direttore        Incontri culturali        Rassegna stampa        Pubblicazioni        Contattiindex.htmlstoria.htmldirettore.htmlincontri_culturali_0.htmlrassegna_stampa_1.htmlpubblicazioni_1.htmlcontatti.htmlshapeimage_16_link_0shapeimage_16_link_1shapeimage_16_link_2shapeimage_16_link_3shapeimage_16_link_4shapeimage_16_link_5shapeimage_16_link_6
     ricercaricerca.html
» » »  link utili         link_utili.html
» » »  gallerie fotografichegalleria_fotografica_1.html
» » »  novità editorialinovita_editoriali.html