© 2015 Centro Studi sulla Cooperazione «A. Cammarata» • Tutti i diritti riservati

© 2015 Web Design and Engineering a cura di Salvatore Tirrito

Mario Sturzo

Non so lasciar la penna

Lettere a mons. Vincenzo Fondacaro (1912-1938)

ello scambio epistolare la parola è pensata, calibrata e infine consegnata nella scrittura: ne sortisce un dialogo vero e proprio, cioè una relazione che consiste in un’interpellanza e nella relativa risposta, ma pure un’esperienza d’incontro e di confronto che si distende in mezzo alle parole, nel loro frattempo, nell’intreccio della loro gestazione e della loro attesa, nello scarto tra la loro partenza e il loro arrivo, mentre esse viaggiano dall’uno all’altro interlocutore, concepite nel silenzio, pronunciate con l’inchiostro, ascoltate con gli occhi, senza per questo rimanere astratte o disincarnate, avulse dalle situazioni o indenni dalle condizioni in cui versano chi scrive e chi legge. La storia della letteratura è piena di epistolari che hanno questo valore. Ma è pur vero che dentro gli epistolari c’è la storia stessa: è il caso delle lettere che si sono sottratte all’effimero frattempo e si sono salvate dentro gli archivi, lì cadendo come in letargo per poi risvegliarsi e tornare a parlare di qualcuno e con qualcuno. Anche in questo volume tornano alla luce delle lettere che hanno sfidato il tempo, trovando riparo dentro i faldoni e tra gli scaffali di un archivio. Sono perciò lettere che contengono e raccontano la storia vissuta dal loro autore e dalla persona cui egli le inviò. Lettere scritte non semplicemente sulla scorta dell’estro letterario, ma piuttosto nel solco della fatica quotidiana e della preoccupazione pastorale. Difatti, si tratta di ben cento lettere, inviate – tra il 1912 e il 1938 – da mons. Mario Sturzo, vescovo di Piazza Armerina dal 1903 al 1941 e insigne pensa-tore – teorico del cosiddetto neosintetismo –, a mons. Vincenzo Fondacaro, vicario generale e rettore del seminario diocesano. Luca Crapanzano, che ha conseguito il dottorato in teologia presso l’Università Lateranense di Roma con una tesi sulla riflessione antropologica di mons. Sturzo, ne ha curato una fedelissima trascrizione e ne ha rilevato l’importanza storica, commentandone i temi principali e più ricorrenti.


N

Casa Editrice: Lussografica

Anno Pubblicazione: 2014

Formato: mm 130 x 210

Pagine: 137

ISBN: 978-88-8243-315-4


66

Homeindex.html
Direttoredirettore.html
Rassegna stamparassegna_stampa_1.html
Incontri culturaliincontri_culturali_0.html
Pubblicazionipubblicazioni_1.html
Storiastoria.html
Contatticontatti.html
Home        Storia        Direttore        Incontri culturali        Rassegna stampa        Pubblicazioni        Contattiindex.htmlstoria.htmldirettore.htmlincontri_culturali_0.htmlrassegna_stampa_1.htmlpubblicazioni_1.htmlcontatti.htmlshapeimage_16_link_0shapeimage_16_link_1shapeimage_16_link_2shapeimage_16_link_3shapeimage_16_link_4shapeimage_16_link_5shapeimage_16_link_6
     ricercaricerca.html
» » »  link utili         link_utili.html
» » »  gallerie fotografichegalleria_fotografica_1.html
» » »  novità editorialinovita_editoriali.html